Cosa vedere

Tra i luoghi più celebri della città, troviamo Piazza Grande, incorniciata dall’elegante loggiato di Giorgio Vasari. La piazza, diventata nota in tutto il mondo grazie al film La vita è bella di Roberto Benigni, ospita ogni mese la Fiera Antiquaria e diventa lo scenario perfetto per la rievocazione medievale della Giostra del Saracino. La Basilica di San Francesco è la chiesa più conosciuta della città, che conserva al suo interno il ciclo di affreschi della Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca, capolavoro rinascimentale di inestimabile valore. La parte più alta della città è dominata dalla Fortezza Medicea, da poco riaperta dopo il lungo restauro che ha riportato alla luce l’antica cittadella e una domus romana. Da qui si può raggiungere la cattedrale gotica e Palazzo Cavallo, per poi proseguire a San Domenico con il crocifisso ligneo di Cimabue, la casa-museo di Giorgio Vasari, il Museo di Arte Medievale e Moderna e la Basilica di S. Maria in Gradi. Arezzo ha sicuramente molto da offrire a chi la visita: non solo la città ma anche il suo territorio, costellato di borghi e castelli che hanno svolto un ruolo preminente nella storia della Toscana.


Martedì 09 Luglio
Ore 17,30 –  SCOPRI AREZZO Speciale Mostra dedicata a Mimmo Paladino La Regola di Piero
Meeting point c/o Entrata della fortezza medicea

Visita guidata curata dal centro guide Arezzo e Provincia della mostra itinerante di uno dei più importanti artisti contemporanei, Mimmo Paladino, che omaggia Piero della Francesca ad Arezzo nella mostra ‘La regola di Piero’, grande personale dal 15 giugno 2019 al 31 gennaio 2020. L’arte di Paladino fonda le sue radici nella grande tradizione figurativa e filosofica italiana. Passione, spiega una nota, che lo ha spesso portato a riscoprire le culture più diverse, alla ricerca di un confronto con gli archetipi, le matrici iconiche, le tradizioni fondanti che, dalle civiltà pre-romane al Rinascimento, hanno costellato il pensiero mediterraneo.
L’esposizione, voluta dalla Fondazione Guido d’Arezzo e dal Comune di Arezzo e curata da Luigi Maria Di Corato, approfondisce il rapporto tra Paladino e una delle figure del passato che più hanno contato nella sua formazione e con la quale ha intrattenuto un dialogo costante in tutta la sua ricerca artistica: Piero della Francesca. Oltre 50 le opere di Paladino esposte in un percorso itinerante che tocca sei diverse sedi.
I due nuclei centrali della mostra – che vede protagonista proprio la pittura e che presenta opere tridimensionali – sono la Galleria comunale d’Arte Contemporanea e la Fortezza Medicea. 
 Completano il percorso altre tre tappe fondamentali. L’istallazione dal titolo “Dormienti”, tra le opere più note e amate di Paladino,realizzata con Brian Eno nel 1999 per la Roundhouse di Londra. La grande croce in foglia d’oro “Senza titolo” del 2016, rispettoso omaggio al capolavoro giovanile di Cimabue nella chiesa di San Domenico. L’istallazione di Porta Stufi dove i 18 vessilli policromi collocati sulle mura, “Bandiere” del 2003 in alluminio, sembrano segnalare un antico trofeo lasciato sul selciato: si tratta di “Elmo”, una delle opere più note dell’artista, bronzo del 1998 esposto nei maggiori musei del mondo.
Costo: 10 euro a persona incluso biglietto mostra / gratuito fino a 12 anni
Solo su prenotazione c/o Centro Guide Arezzo 334 334 0608

MEETING POINT C/O FORTEZZA MEDICEA (MONUMENTO AL PETRARCA)


Mercoledì 10 Luglio
SCOPRI AREZZO Speciale „collezionismo“ a cura di Centro Guide Arezzo e Provincia e Fondazione I. Bruschi Meeting point presso Casa Museo Ivan Bruschi,  “C.so Italia 14 – Arezzo

Un percorso che unisce arte, cultura e degustazioni di vino. Accompagnati da una guida del centro guide Arezzo alla scoperta della Casa Museo Ivan Bruschi con la sua affascinante quanto preziosa collezione, per poi immergersi nella mostra „Vento dal nord“.
La visita si concluderàsulle bellissime terrazze della Casa Museo.
Costo: € 10,00 euro a persona Visita e biglietto museo inclusi
Gratuito fino a 12 anni

SOLO SU PRENOTAZIONE c/o Centro Guide Arezzo 3343340608
Meeting point presso Casa Museo I. Bruschi C.so Italia,14


Giovedì 11 Luglio
SCOPRI AREZZO „Classico“

Un percorso per conoscere l‘arte e la bellezza dell‘antica lucumonia etrusca che da sempre affascina i visitatori da tutto il mondo: Piazza Grande, la Cattedrale, San Domenico e la Pieve romanica di S. Maria Assunta.

Costo: € 10,00 euro a persona Visita e biglietto museo inclusi
Gratuito fino a 12 anni
SOLO SU PRENOTAZIONE c/o Centro Guide Arezzo 3343340608
Meeting point c/o Casa Museo I. Bruschi C.so Italia, 14


Venerdì 12 Luglio ore 17:30
“Itinerari etruschi, l’antica Aritim”

SCHEDA TECNICA
Partenza solo su prenotazione: tel.349/6395085 Donato
 Km: 8 Km
Dislivello positivo (in salita): 340 metri
Difficoltà: T/E (medio-facile)
Durata: 3-4 ore (escluso soste di spiegazione)
Quota di partecipazione: Servizio di guida 10 euro, bambini fino a 12 anni gratuito (l’escursione sarà a cura di Guida Ambientale Escursionistica abilitata ai sensi LR 86/2016, i partecipanti saranno coperti da assicurazione).
Info e prenotazioni: Donato Caporali Anime Pioniere Trekking ed escursioni 349/6395085  animepioniere@gmail.com
DESCRIZIONE
L’escursione da Piazza Guido Monaco si articola ad anello nella parte esterna di Arezzo a Sud-Est seguendo il tracciato che i pellegrini scandinavi e tedeschi seguivano per andare da Stade a Roma, la Via Romea Germanica, ma anche sul tracciato del Cammino delle Celle di San Francesco . Attraverso il parco urbano della zona Giotto ci porteremo nei pressi della celebre chiesa esterna alle mura di Santa Maria delle Grazie, in tale luogo  vi era un santuario pagano con una fonte che nel periodo etrusco-romano era consacrata ad Apollo, mentre nell’alto Medioevo era detta Fonte Tecta.  Attraverso strade a sfondo asfaltato e sterro, ci porteremo sulla cima del colle di Santa Maria delle Grazie, per poi da quest’ultimo ridiscendere verso la zona sportiva di Arezzo, qui imboccheremo il sentiero CAI  549/A in direzione del Colle di San Cornelio. Ricalcheremo in questo percorso la strada seguita dagli etruschi per centinaia di anni che portava dall’area urbana del colle di San Donato all’antica area sacrale di Castelsecco.  Giunti sulla cima del colle ridiscenderemo attraverso il sentiero CAI 549, che ci porterà in Via dell’Acropoli, attraverso di essa e i percorsi ciclo/pedonali nel verde a margine del Torrente Bicchieraia e Castro rientreremo nel centro di Arezzo.


Venerdì 12 Luglio VISITA SERALE
Ore 21,00 – SCOPRI AREZZO SPECIALE NOTTI DELL‘ARCHEOLOGIA a cura di Centro Guide Arezzo e Provincia

Meeting point presso museo archeologico G. Cilnio Mecenate via Margaritone ore 21
La visita guidata include l’anfiteatro romano e procede con la visita del museo archeologico.
Per la serata speciale „notti dell‘archeologia“ il Centro Guide propone visite a tema.
Costo: 10 euro a persona biglietti inclusi– gratuito fino a 12 anni
Solo su prenotazione c/o Centro Guide Arezzo 334 334 0608,

______________________________________________________________________

Sabato 13 Luglio ore 17:30
“Tra il Cammino di San Francesco e il brigante Gnicche”

SCHEDA TECNICA
Partenza su prenotazione: tel.349/6395085 Donato
 Km: 5
Dislivello positivo (in salita): 140 metri
Difficoltà: T (facile)
Durata:1-2 ore (escluso soste di spiegazione)
Quota di partecipazione: Servizio di guida 10 euro, bambini fino a 12 anni gratuito (l’escursione sarà a cura di Guida Ambientale Escursionistica abilitata ai sensi LR 86/2016, i partecipanti saranno coperti da assicurazione).
Info e Prenotazioni: Donato Caporali Anime Pioniere Trekking ed escursioni 349/6395085   animepioniere@gmail.com
DESCRIZIONE
L’escursione con partenza da Piazza Guido Monaco,   si articola ad anello nella parte esterna di Arezzo a Nord-Est. Passando dalla Basilica di San Francesco prima (chiesa realizzata seguendo criteri di semplicità francescana su progetto di Fra Giovanni da Pistoia, discepolo di frate Elia), poi da Piazza della Libertà, fronte al Duomo di Arezzo, va a compiere un semianello intorno alla fortezza medicea di Arezzo, celebre opera militare di Antonio San Gallo il vecchio, dove sarà possibile effettuare una visita .  Da qui, seguendo l’imponente cerchia muraria, con un passaggio a margine del cimitero monumentale di Arezzo, nei pressi dell’acquedotto prima romano, poi rimaneggiato nella forma che ci appare oggi da Giorgio Vasari , verrà imboccato il sentiero CAI n° 102 poi , nonché tratto inserito recentemente nel percorso del Cammino di Francesco.  Percorrendo questa strada prima a sfondo asfaltato, poi sterro, arriveremo, attraverso filari di cipressi,  viti, oliveti , giardini e ville a fare da sfondo al paesaggio, a Poggio Mendico, da cui sarà possibile osservare la stupenda vista sulla parte medievale e rinascimentale della città di Arezzo. Ridiscenderemo poi dalla parte collinare sovrastante la zona dei Cappuccini al parco urbano di Villa Severi, da qui attraverso una strada sterrata ci porteremo alla “Torre di Gnicche”. Effettueremo il rientro attraverso il Parco di Villa Severi, Porta Trento Trieste e Via Garibaldi